Rispondi

Rispondi a:
Inviato da avatar Oliverio Gentile il 11-03-2012 alle 15:49 Leggi/Nascondi

Dall'Ufficio Stampa del Comune di Milano:

CONSIGLI DI ZONA DEI RAGAZZI. AL VIA LA FASE OPERATIVA, ECCO LA ROAD MAP
Vicesindaco Guida: “Su richiesta degli studenti abbiamo già installato le rastrelliere nelle scuole di Zona 9”

Milano, 11 marzo 2012 – È il primo passo operativo per arrivare alla creazione dei Consigli di Zona dei ragazzi e delle ragazze: lo ha compiuto l’Amministrazione comunale incontrando, nella sede del liceo linguistico paritario Manzoni di via Deledda, gli insegnanti delle scuole coinvolte nel progetto. Si è trattato di un primo momento di informazione dove la vicesindaco e assessore all’Educazione e Istruzione Maria Grazia Guida ha illustrato il significato dell’iniziativa e le prossime tappe del lavoro. Sono intervenuti anche la Presidente della Commissione consiliare Educazione e Istruzione Elisabetta Strada, la Presidente della Commissione Educazione e Istruzione del Consiglio di Zona 9 Antonella Loconsolo e il Presidente del Pidida (Coordinamento Lombardia per i Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza) Nicola Iannacone.
“Crediamo fortemente in questo progetto – ha dichiarato Maria Grazia Guida – perché vogliamo motivare i bambini e i ragazzi a interessarsi della vita pubblica, a occuparsi delle questioni che riguardano una comunità e a prendersi cura della propria città. Però, per raggiungere questi obiettivi, dobbiamo essere noi per primi seri e credibili. Per questo ci presentiamo all’avvio di questa iniziativa con la richiesta esaudita di installare le rastrelliere nelle scuole, come ci aveva domandato il Consiglio dei ragazzi e delle ragazze di Zona 9, l’unico finora costituito in città”.
Lo scorso 17 novembre, in occasione del XXII anniversario della firma della Convenzione Onu sui Diritti dell’Infanzia e dell’Ado lescenza, i ragazzi presenti al Consiglio di Zona 9 avevano ricordato al Sindaco Giuliano Pisapia una richiesta già avanzata alla precedente Amministrazione, e cioè l’installazione delle rastrelliere nelle scuole. L’operazione è stata completata con il collocamento di 13 rastrelliere in 6 scuole, così suddivise: 2  in via Maffucci 60, 2 in via Del Volga 3, 2 in viale Sarca 24, 3 in via Crespi 40, 2 in via Scialoja 19, 2 in via Scialoja 21.
“È stata un’operazione a costo zero per il Comune – ha spiegato la vicesindaco – perché le rastrelliere giacevano inutilizzate in alcuni magazzini comunali sparsi per la città. E nessuno sembrava essere a conoscenza della loro esistenza. Sono state scovate grazie alla caparbietà di alcuni nostri funzionari. Racconto questo piccolo episodio perché voglio dire ai ragazzi e alle ragazze dei futuri Consigli di zona che ascolteremo e prenderemo in considerazione le loro richieste”.
Il prossimo appuntamento è fissato per il 7 maggio, quando ci sarà un incontro di presentazione del progetto allargato agli studenti. Prima della chiusura dell’anno scolastico tutte le scuole interessate dovranno deliberare nel proprio Piano di offerta formativa l’adesione all’iniziativa. A settembre 2012 cominceranno gli incontri di formazione per gli insegnanti referenti. Questa attività di tutoring sarà gestita dalle associazioni che fanno parte del coordinamento Pidida. Saranno poi gli insegnanti referenti a preparare gli studenti nelle scuole, accompagnandoli fino alle votazioni che si terranno nella primavera del 2013. Verranno eletti un bambino e una bambina per tutte le quarte e quinte elementari di ogni scuola che avrà aderito all’iniziativa, così come un ragazzo e una ragazza per tutte le prime, seconde e terze medie. Le elezioni si ripeteranno ogni anno. Tutto l’iter sarà realizzato in collaborazione con i Consigli di Zona.
“Si tratta di un percorso complesso, lungo e articolato – ha concluso Maria Grazia Guida – ma questo per noi è garanzia di serietà e di vero spessore per tutto il progetto. Non vogliamo un’iniziativa simbolica, ma crediamo veramente di poter promuovere una partecipazione democratica attiva e diretta sviluppando il senso delle istituzioni nelle nuove generazioni. E poi mi piace sottolineare anche il coinvolgimento di un elevato numero di soggetti, dai Consigli di Zona alle scuole, fino a tutte le associazioni del Pidida. È anche con questo tipo di iniziative che speriamo di migliorare la vita nei quartieri della nostra città”.

Accedi

Devi inserire Nome utente e Password per inviare un messaggio. Se non li hai prosegui inserendo il contenuto della risposta e i dati personali (nome, cognome e email) oppure Registrati

L'accesso a questo sito è possibile anche attraverso lo username e password che utilizzavi per collegarti a partecipaMi sulla vecchia piattaforma selezionando nel menu a tendina la voce "partecipaMi (vecchia piattaforma)". Possono accedere con il proprio account anche gli Aderenti alla Rete Civica di Milano selezionando nel menu a tendina la voce "Aderente della Rete Civica di Milano".
Contenuto della risposta
Campo obbligatorio.