1 anno fa
1 consensi
Segnala Segnala come rilevante - Segnalato rilevante da 0 persone.

Siamo alla vigilia dell’elezione dei membri del Consiglio della Città Metropolitana Milanese da parte dei sindaci e consiglieri dei 134 comuni dell’area. Elezione, si dice, indiretta. I cittadini esclusi. Vulnus gravissimo: abrogato lo strumento principe della sovranità popolare: il voto. Un altro grave vulnus: il sindaco del capoluogo (nel nostro caso di Milano) diventa automaticamente sindaco della Città Metropolitana. Per due volte (2014 e 2016) è stato negato  ai cittadini dei 134 comuni  di esercitare il proprio sacrosanto diritto costituzionale di votare il loro sindaco metropolitano.

A restringere spazi e strumenti di partecipazione democratica è la legge 56 / 2014, dalla dubbia legittimità costituzionale (avverso la quale chi scrive ha firmato un ricorso giurisdizionale di cui si attendono gli esiti). Con essa si anticipa la legge costituzionale Renzi - Boschi - Alfano - Verdini , che cambia ben 47 articoli della Carta del 1948  ed esclude non a caso l'elezione diretta del nuovo Senato ridotto a 100 membri (- 215) lasciando intatto il numero di 630 deputati. Se colleghiamo questa amputazione al "combinato disposto" della legge elettorale Italicum, che ribadisce l’impostazione ultramaggioritaria e premiale analoga a quella del Porrcellum bocciato dalla Corte Costituzionale (2014) e che prevede i capilista bloccati, ci rendiamo conto che si restringono drasticamente gli spazi di democrazia, si accentrano i poteri a vantaggio dell’esecutivo e del Presidente del Consiglio (che diventa il "capo" e il  vero dominus) e non si fanno contare  i cittadini elettori nel loro diritto di scelta "libera e personale". L’appuntamento referendario del 4 dicembre prossimo diventa un’occasione decisiva per fare valere il voto del "popolo sovrano" che non può non esprimere il forte e deciso no allo stravolgimento in senso oligarchico del nostro sistema costituzionale e democratico.

Ancora oggi è valido l’appello  rivolto nel 2014 ai sindaci e ai consiglieri dei Comuni dell'area metropolitana milanese dal Forum Civico Metropolitano, "soggetto plurale libero ed indipendente di cittadinanza attiva …[che] pone al centro della sua riflessione e della sua attività la Città e la Cittadinanza Metropolitana, la democrazia e le sue forme di partecipazione".

“La L. 56 / 2014, "Disposizioni sulle città metropolitane, sulle province, sulle unioni e fusioni di comuni" – si afferma - rischia di aggiungersi alle innumerevoli leggi e leggine e decreti che da oltre un ventennio si accatastano e finiscono nelle morte gore del degrado istituzionale e della riduzione della democrazia, rappresentativa e partecipativa.

I cittadini sono privati del diritto di voto e non eleggono gli organi della Città Metropolitana. Anche le Province, che non vengono né ridotte né abolite, si trasformano in enti di secondo livello. La negazione del diritto di voto è palese e intollerabile.   

E’ evidente il disegno autoritario di rafforzare gli apparati centralistici a livello nazionale e territoriale (l’esecutivo, la regione , il grande comune capoluogo); sbilanciare l'equilibrio della divisione dei poteri (senato non elettivo, ridimensionamento del potere giudiziario); mettere pesantemente in discussione i diritti politici civili e sociali (violazione continuata dei principi fondamentali  e dei diritti della persona e del lavoro sanciti dalla Carta Costituzionale, legge elettorale ultramaggioritaria e blindata, accesso sempre più difficile alle poche  forme di democrazia diretta).

Delle istituzioni più vicine ai cittadini sono i Comuni ad essere maggiormente colpiti e messi nelle condizioni di non potere svolgere appieno i loro compiti di fornire i servizi essenziali e di costituire il primo e più vicino presidio democratico e partecipativo […]  Alla vigilia dell’elezione del Consiglio Metropolitano, di cui si stigmatizzano le modalità oligarchiche, il Forum rivolge a Voi Sindaci dei Comuni dell'area metropolitana milanese la richiesta - che vorrete inoltrare ai Consiglieri comunali – di ascoltare la voce dei cittadini, in modo particolare di quelli impegnati e competenti […] portatori di proposte concrete e valide.

Il Forum rivendica la restituzione ai cittadini del diritto di voto uguale e libero e ritiene necessario e urgente l'elezione diretta a suffragio universale del sindaco e del consiglio metropolitano. Un ruolo decisivo sono chiamati a svolgere i capoluoghi. Nel nostro caso il Comune di Milano, al cui Consiglio è affidata la responsabilità di articolare il proprio territorio in "più comuni" e di abolire il comune unico del capoluogo.

Le esigenze e i diritti dei cittadini metropolitani richiedono di ridisegnare un riequilibrio paritario delle entità ed identità dei comuni dell’area metropolitana milanese.

Giuseppe Natale,  Forum Civico Metropolitano

giusnatale@alice.it

Nessuna risposta inviata