Rispondi a:

Inviato da avatar Oliverio Gentile il 22-03-2013 alle 16:18

Dall'Ufficio Stampa del Comune di Milano:

PERSONE CON DISABILITÀ. COMUNE, APERTO IL NUOVO CENTRO DI ACCOGLIENZA DI VIA FERRARIS, RADDOPPIATI I POSTI
Assessore Majorino: “Un efficace esempio di sinergia tra pubblico e privato che rende migliore il welfare della nostra città”

Milano, 22 marzo 2013 – Una ristrutturazione lampo durante la scorsa estate, frutto dell’impegno di un gruppo di cooperative che ha trasformato un  centro di accoglienza diurno in un posto nuovo, più ampio, adatto a ospitare il doppio delle persone con disabilità. Sono saliti da trenta a sessanta, infatti, i posti disponibili in via Galileo Ferraris 1/A, con la possibilità di un ulteriore spazio dedicato alle persone affette da autismo.
 
È questo il risultato ottenuto dal Consorzio Sir (Società cooperativa sociale onlus) e dalla cooperativa sociale “Il Fontanile”, che oggi hanno inaugurato e aperto alla città il centro di via Galileo Ferraris 1/A. La struttura, di proprietà del Comune di Milano, era stata data in comodato d’uso gratuito al Consorzio nel maggio del 2012 e rimessa a posto nei mesi di luglio e agosto, grazie a un investimento di 900.000 euro interamente a carico delle cooperative.  
Nel centro diurno, un tempo solo in gestione e ora in convezione con il Comune, adulti con disabilità diverse sono seguiti tutti i giorni della settimana, dalle 9 alle 16, per 11 mesi all’anno.

All’inaugurazione di questo pomeriggio hanno partecipato l’assessore alle Politiche sociali Pierfrancesco Majorino, Francesco Allemano e Andrea Brizzolari, rispettivamente presidente e direttore della cooperativa sociale “Il Fontanile”, Umberto Zandrini, presidente del Consorzio Sir, le famiglie e le persone seguite nel centro diurno.  

“Il rinnovamento di questo centro diurno per persone con disabilità – spiega l’assessore alle Politiche sociali Pierfrancesco Majorino – dimostra quanto la sinergia tra pubblico e privato possa portare a risultati formidabili proprio nel campo delle Politiche sociali. In questo ambito, infatti, con la riduzione dei finanziamenti da parte di Stato e Regione bisogna cercare di usare sempre meglio le risorse a disposizione e consolidare la rete tra i diversi operatori, azioni indispensabili per rendere più efficaci e capillari i nostri interventi. Il centro di via Ferraris rappresenta certamente un punto di partenza, una nuova speranza per numerose persone con disabilità e per le loro famiglie”. 

Accedi

Devi inserire Nome utente e Password per inviare un messaggio. Se non li hai prosegui inserendo il contenuto della risposta e i dati personali (nome, cognome e email) oppure Registrati

L'accesso a questo sito è possibile anche per gli Aderenti alla Rete Civica di Milano selezionando nel menu a tendina la voce "Aderente della Rete Civica di Milano".

Contenuto della risposta