Rispondi a:

Inviato da avatar Lorenzo Pozzati il 06-09-2011 alle 23:41

Fuori dai denti? E' una proposta che non mi piace.

La verifica fiscale fatta roteare come minaccioso bastone per disincentivare l'occupazione degli spazi riservati ai disabili da parte di incivili cafoni - secondo me - non va bene sia nei confronti del rapporto cittadino/fisco che dei disabili.

Nei confronti del rapporto cittadino/fisco in quanto non deve - nel comune pensare - la verifica fiscale rappresentare una minaccia e nei confronti dei disabili in quanto essi non devono essere visti come alleati di vessazioni alcune, anche ad evitare malanimi o addirittura rappresaglie nei loro confronti.

I disabili hanno bisogno di vivere in un brodo di cultura sociale fatto di comprensione, solidarietà e simpatia, da parte della maggioranza dei cittadini assicurata. Per gli altri, basta mandare in fretta un carro attrezzi a ripristinare la fruizione del diritto negato ed una forte multa (con punti tolti dalla patente).

Con (scusatemi se mi permetto di dirlo) un'azione di controllo e ritiro dei pass di chi disabile non è (come, purtroppo, tanti si vedono in giro).

Spero di non essere frainteso e mi scuso se quanto dico va controcorrente, ma sono abituato a dire ciò che penso.

 

Accedi

Devi inserire Nome utente e Password per inviare un messaggio. Se non li hai prosegui inserendo il contenuto della risposta e i dati personali (nome, cognome e email) oppure Registrati

L'accesso a questo sito è possibile anche per gli Aderenti alla Rete Civica di Milano selezionando nel menu a tendina la voce "Aderente della Rete Civica di Milano".

Contenuto della risposta