Rispondi a:

Inviato da avatar Giulio Beltrami il 07-12-2023 alle 16:01

Sono d'accordo su una interpretazione dinamica di "adaequatio rei ET intellectus" superando l'epistemologia kantiana, per la quale si conoscono le cose attraverso certe categorie fisse dell'intelletto.

Vi ho trovato consonanze in un recente seminario alla Casa della Cultura (ciclo FILOSOFIA, EPISTEMOLOGIA, STORIA ED INTELLIGENZA ARTIFICIALE: DALLE TECNOSCIENZE AD UN POSSIBILE E NUOVO UMANESIMO SCIENTIFICO) ridenominato dal relatore Rocco Gaudenzi "Conoscere ed agire: per una rilettura del 'gioco dell'imitazione' di Turing":


https://www.youtube.com/live/ fGmRmWE7l3E?si= f3pzjo9koC3FYV8l

Infatti dalla teoria della relatività alla meccanica quantistica, fino alla intelligenza artificiale, le categorie con cui conosciamo gli oggetti (consistenti nei loro metodi di misura) dipendono dalla qualità dell'esperienza stessa, rispettivamente velocità, piccolezza e interazione:

  1. Per la relatività speciale, avvicinandoci alla velocità della luce, cambiano le categorie spazio e tempo, dipendendo dal moto relativo dell'osservatore con l'oggetto, per cui la legge non riguarda tanto l'osservatore, quanto la sua relazione ambivalente con l'oggetto.
  2. Per la meccanica quantistica, avvicinandoci alla costante di Planck h, certe proprietà come posizione e quantità di moto sono (principio di Heisenberg) complementari, con un limite reciproco alla determinabilità. 
  3. Per la intelligenza artificiale, perfezionando l'interazione in gioco, dalla telescrivente di Turing alla voce di Alexa, l'intelligenza non è solo e tanto nella macchina in sé quanto nella sua relazione con l'interlocutore umano (parafrasando Gaber: non conta tanto il computer in sé, quanto il computer in me!).

Forse dovremmo dissolvere ontologia ed idealismo in una epistemologia relativistica, che riguardi non tanto cose e idee, quanto processi cognitivi evolutivi, di cui cose ed idee siano transitori invarianti.

Accedi

Devi inserire Nome utente e Password per inviare un messaggio. Se non li hai Registrati

L'accesso a questo sito è possibile anche per gli Aderenti alla Rete Civica di Milano selezionando nel menu a tendina la voce "Aderente della Rete Civica di Milano".