Rispondi a:

Inviato da avatar Oliverio Gentile il 20-04-2012 alle 16:45

Dall'Ufficio Stampa del Comune di Milano:

CASE POPOLARI, CASTELLANO: “POSTI AUTO E BOX GRATUITI A INVALIDI E DISABILI E CANONI AL MINIMO IN TUTTA LA CITTÀ”

Prorogata fino a giugno la riduzione degli affitti e delle bollette

Milano, 20 aprile 2012 – “Disabili, invalidi al 100% e non vedenti con difficoltà economiche che abitano nelle case popolari del Comune di Milano beneficeranno gratuitamente di posto auto o box. Inoltre, dal 1° maggio, saranno ridotti per tutti i canoni dei parcheggi Erp che si trovano nel centro storico e nella fascia semicentrale della città. È stato anche prorogato per tre mesi, fino al 30 giugno, l’accordo con i sindacati che prevede la riduzione del 20% dei canoni d’affitto. Provvedimenti di cui sono particolarmente soddisfatta perché rappresentano una risposta concreta in questo momento di crisi economica, un sostegno reale per le famiglie meno abbienti e per le persone che devono convivere con invalidità e gravi disabilità”.

Lo annuncia l’assessore alla Casa Lucia Castellano, a seguito dell’approvazione delle delibere da parte della Giunta comunale.

POSTI AUTO GRATIS AI DISABILI
Per ottenere l’esonero dal pagamento del canone potranno presentare domanda, con relativa certificazione Asl, tutti gli inquilini di alloggi popolari che si trovano in difficoltà economiche e che siano invalidi con totale o permanente invalidità lavorativa 100%, con impossibilità a deambulare senza l’aiuto di un accompagnatore o non vedenti assoluti. I richiedenti non devono essere titolari di agevolazioni o contributi analoghi.

RIDUZIONE CANONI POSTI AUTO IN CENTRO
Per quanto riguarda posti auto e box, il canone d’affitto viene deter minato sulla base dei valori indicati nel Bollettino di Rilevazione dei prezzi degli immobili sulla piazza di Milano, con facoltà di scegliere il valore minimo, medio o massimo. Fino ad ora per il centro storico veniva applicato come base di calcolo il valore massimo, per le zone intermedie quello medio, per le periferie quello minimo. 
La delibera stabilisce di utilizzare per tutta la città il valore minimo, in virtù della condizione analoga degli stabili Erp (si garantisce così una riduzione media del prezzo attuale del 15% circa). Il provvedimento sarà applicato a 801 posti auto e box, ovvero il totale di quelli che si trovano nel centro e nelle zone semicentrali della città (sono 6.849 quelli ubicati in periferia).

CANONI RIDOTTI FINO A GIUGNO
Sono stati prorogati anche i termini dell’accordo firmato il 12 ottobre scorso tra Comune e sindacati che prevede: canoni ridotti del 20% per gli inquilini delle case popolari con redditi Isee inferiori ai 35 mila euro (ad eccezione di quelli che già pagano il minimo e di quelli che non hanno subito incrementi); taglio fino al 15% della bolletta per i servizi resi dall’Aler (pulizia degli immobili, taglio del verde ad eccezione delle spese non comprimibili come lo stipendio del portiere); contributo di 5,16 euro al metro quadro per le spese di riscaldamento per gli inquilini in fascia di protezione.
È in via di chiusura il tavolo con i sindacati che perfezionerà l’accordo definitivo.

“Questi provvedimenti – dichiara l’assessore Castellano – comportano una riduzione complessiva di 1 milione di euro, tra posti auto, canoni e bollette. Ma potrebbe non trattarsi di una vera e propria perdita per il Comune di Milano. Infatti, abbassando i canoni di affitto degli alloggi speriamo di ridurre le morosità. Allo stesso modo, riduce ndo i costi dei posti auto favoriamo la locazione di tutti quelli che fino ad oggi giacevano inutilizzati a causa del costo troppo elevato. Senza contare che continuerà il lavoro già in corso sul miglioramento della gestione e sul recupero degli affitti non pagati”.

Accedi

Devi inserire Nome utente e Password per inviare un messaggio. Se non li hai prosegui inserendo il contenuto della risposta e i dati personali (nome, cognome e email) oppure Registrati

L'accesso a questo sito è possibile anche per gli Aderenti alla Rete Civica di Milano selezionando nel menu a tendina la voce "Aderente della Rete Civica di Milano".

Contenuto della risposta