Materiale
Informativo
6 anni fa
Piazza del Duomo, 23, 20121 Milano, Italia
0 consensi
Segnala Segnala come rilevante - Segnalato rilevante da 0 persone.

Buongiorno a tutti

mi ponevo il quesito se, per riscaldare un appartamento in condominio mediamente isolato e dotato contemporaneamente di caldaia a metano (autonoma o centralizzata ma con letture individuali) e condizionatori con pompa di calore PDC (magari acquistati solo per il raffreddamento per i mesi estivi) ci possano essere le condizioni che rendano vantaggioso, economicamente parlando, l'utilizzo delle pompe di calore al posto del riscaldamento a Metano. 

Alcune evidenze che ho trovato in rete - tutte da verificare - per identificare il punto di pareggio e le condizioni di vantaggio delle PDC

1. il paragone PDC - metano è proponibile, ma dipende fortemente dalle condizioni al contorno, es delta temperatura da mantenere

2. il COP della PDC dipende dalle temperature di esercizio (tipicamente assume valori da 2,5 a 5 nei migliori casi)

3. il paragone PDC gpl o elettrico è  improponibile, in quanto i costi di gpl e di "corrente con COP=1" sono molto maggiori a priori di quelli di una PDC con COP >2,5

4. occorre conteggiare attentamente i costi unitari della corrente elettrica della propria fornitura, nonchè i costi fissi della caldaia a metano

5. in generale, vige una regola per cui la PDC ha senso nelle prime settimane di freddo (ottobre, metà novembre) e poi marzo-aprile, mentre nei mesi + freddi conviene il metano.


Qualcuno in questo forum ha mai approcciato questo tema? Cosa ne pensate?

Ciao,

Andrea

Nessuna risposta inviata