6 anni fa
0 consensi
Segnala Segnala come rilevante - Segnalato rilevante da 0 persone.

Su una base d'asta di 255mila euro cadauno, una ditta polacca ha vinto con un'offerta di 228mila comprensiva pure della personalizzazione per Milano e tre anni di manutenzione.

85 bus x 228.000 = 19 milioni e 380 mila euro (diciamo venti milioni: quanto lavoro potevano dare, agli italiani, che non ne hanno?)

Per carità, sicuramente ottimi bus, ottimo tutto ma, i lavoratori, i diritti, i salari, le regole: vengono tutti rispettati?

A volte ho l'impressione che, socialisti non ne parliamo, da miopi e maldestri capitalisti quali siamo, ci stiamo comprando la corda per impiccarci, però con lo sconto.

http://milano.repubblica.it/cronaca/2014/01/12/news/atm_85_nuovi_bus_dalla_polonia_saranno_euro_6_e_lunghi_12_metri-75697322/

Atm, 85 nuovi bus dalla Polonia: saranno Euro 6 e lunghi 12 metri

La Solaris si è aggiudicata la gara per i mezzi che sino a fine anno rinnoveranno il parco macchine dell'azienda dei trasporti di Milano. L'offerta prevede anche la manutenzione per i primi tre anni
di ALESSIA GALLIONE


Il presidente di Atm, Bruno Rota

Si chiamano “Urbino”, saranno lunghi 12 metri e soprattutto saranno ultraecologici (Euro 6 che rispondono alle norme antiinquinamento europee entrate in vigore nel 2014) come quelli che viaggiano sulle strade di Berlino e Amburgo. Sono i primi 85 nuovi bus dell’Atm che, a partire dall’estate ed entro dicembre, entreranno in servizio mandando in pensione mezzi che, ormai, fanno parte di un parco che ha un’età media di quasi dieci anni.

Saranno solo i primi arrivi dei 250 autobus che Atm ha deciso di acquistare nei prossimi anni con un investimento autonomo e attingendo a fondi regionali. A costruirli sarà un’azienda polacca, Solaris, molto forte in Germania - dove è considerata concorrente di Mercedes - e presente in 28 Paesi tra cui l’Italia con Modena, Bolzano, La Spezia e Cagliari.

Sono stati loro ad aggiudicarsi la maxigara lanciata dalla società di Foro Buonaparte e a sbaragliare la concorrenza (si sono presentati in cinque) di colossi come Fiat Iveco e Breda Menarini. Ha replicato lo schema della gara per i nuovi treni della metropolitana, quella che si è appena chiusa per i bus: Atm vuole che per passi successivi inizino a viaggiare 250 mezzi nei prossimi anni. E questa prima tranche di 85 per 19,3 milioni di euro rappresenta il primo contratto applicativo.

La base d’asta era di 255mila euro a bus: Solaris ha vinto con un’offerta di 228mila che comprende anche la personalizzazione per Milano e tre anni di manutenzione. Un secondo momento decisivo sarà Expo, quando la città avrà bisogno di potenziare ancora di più il proprio trasporto pubblico. Anche se l’azienda dovrà fare i conti con il proprio bilancio. A quest’ultimo investimento si sommano circa 33 milioni di euro che, negli ultimi sei mesi, Atm ha messo sul piatto per lavori e treni sulla linea 2 del metrò.

(12 gennaio 2014)

0 consensi
Segnala Segnala come rilevante - Segnalato rilevante da 0 persone.
0 consensi
Segnala Segnala come rilevante - Segnalato rilevante da 0 persone.