Materiale
Informativo
8 anni fa
Palazzo Lombardia, Piazza Città di Lombardia, 1, 20124 Milano, Italia
0 consensi
Segnala Segnala come rilevante - Segnalato rilevante da 0 persone.

62 decibel sono troppi? Portiamoli a 65!

Così il nuovo grattacielone (perchè il Pirelli era ormai evidentemente diventato troppo piccolo), edificato a spese di tutti per celebrare i fasti della casta politica, vedrà tornare l'andirivieni di elicotteri.

Con buona pace degli abitanti le case vicine, che oltre i politici sentiranno atterrare e decollare imprenditori e turisti, così imparano a lamentarsi.

http://milano.corriere.it/...

IL CASO

Sì agli elicotteri su Palazzo Lombardia

Contrordine dal Consiglio di Stato: frastuono ammissibile, l’eliporto servirà per Expo
di Luigi Corvi



Torneranno a volare gli elicotteri su Palazzo Lombardia. E quella che era nata come elisuperficie destinata a funzioni di rappresentanza degli organi regionali potrà essere a tutti gli effetti un eliporto. Anzi, come vuole la Regione, costituirà «il tassello di una rete elicotteristica che collegherà le principali città lombarde, Fiera Milano e gli aeroporti, anche in vista di Expo 2015». Addio dunque al divieto di utilizzo della piattaforma che era stato sancito dal Tar nel luglio 2012, in accoglimento del ricorso presentato dagli abitanti della zona che eccepivano il superamento dei decibel da parte degli elicotteri. Il frastuono non è più inammissibile. Lo ha stabilito infatti, con una sentenza depositata ieri, il Consiglio di Stato che ha accolto l’appello della Regione contro la decisione del Tar. Questo perché, nel frattempo, un provvidenziale piano comunale di zonizzazione acustica ha innalzato il limite di decibel della zona da 60 a 65, rendendo quindi legittima la soglia di 62 misurata quando l’elisuperficie era in funzione. E se la pista, in tempi di spending review, non sarà molto utilizzata per spostamenti istituzionali, si apre il redditizio sfruttamento a fini commerciali e turistici. Infatti, secondo il Consiglio di Stato, questa più ampia autorizzazione «non costituisce necessariamente un incremento del numero dei voli e anzi la Regione sostiene che il numero sarebbe il medesimo».

15 novembre 2014 | 15:11

Nessuna risposta inviata