Materiale
Informativo
6 anni fa
Via Giambellino, 80, 20146 Milano, Italia
0 consensi
Segnala Segnala come rilevante - Segnalato rilevante da 0 persone.

In data 9/12/14 avevamo segnalato all'Assessore ed al comando di Polizia Locale di z6 la necessità di un intervento urgente di rappezzo per una buca profonda all'interno dell'intervia dei binari posizionata al centro della carreggiata. Di seguito il testo dove, senza essere dei profeti, già sapevamo che il solito intervento di riempimento avrebbe avuto vita breve.

Gentile Assessore, Spettabile Comando Polizia Locale z6,

con la presente vi segnaliamo una urgente necessita' di un vostro intervento per riparare adeguatamente una profonda buca presente all'interno di uno dei 2 binari del tram , proprio in mezzo all'incrocio viario tra la via Giambellino e la direttrice via Bellini>via Brunelleschi.
La buca, decisamente profonda, e' particolarmente pericolosa per chi utilizza cicli o motocicli. Naturalmente non può' essere "isolata o recintata" essendo posizionata nell'intervia della carreggiata. Inoltre riteniamo logica la riflessione che il riempimento con del semplice asfalto ( come eseguito in precedenti interventi, vedi foto) sia da evitarsi per questi risultati nel tempo. 
I 2 blocchi di porfido mancanti rimessi potrebbero essere la soluzione ottimale ma non vogliamo assolutamente entrare in ambiti tecnici non di nostra competenza.

L'intervento di "rappezzo" è stato effettuato nei giorni successivi e questa è l'attuale situazione (in ambo i flussi veicolari) che necessitano, a nostro parere, di un nuovo intervento per rimettere "in sicurezza" il transito soprattutto per  motocicli e cicli. Spiace il dover constatare come i soldi pubblici siano spesi  spesso  in questo modo, a meno che non esistano "garanzie" degli appaltatatori ma ne dubitiamo. Felici di essere smentiti.

Sarebbe anche opportuno rispondere alla domanda: se si vogliono mantenere carreggiate (spesso con binari del tram infossati  tipo la Ripa di Porta Ticinese) con questa storica pavimentazione perchè non si hanno più squadre di manutentori profondi conoscitori del tipo di fondo, del livellamento e dei necessari riempimenti tra controrotaia e blocco di porfido come chi ha un briciolo di memoria ricorda negli anni del secolo scorso, o è solo un problema di risorse finanziarie per tali attività?



Nessuna risposta inviata