Materiale
Informativo
12 anni fa
0 consensi
Segnala Segnala come rilevante - Segnalato rilevante da 0 persone.

Da milano.repubblica.it:

http://milano.repubblica.it/cronaca/2011/09/05/news/il_comune_riapre_i_cantieri_via_a_venti_progetti_arenati-21225350/

IL FUTURO DI MILANO

Il Comune riapre i cantieri
via a venti progetti arenati

Si parte con l'ex Enel di Porta Volta: case, verde e il quartier generale dei designer
L'assessore De Cesaris: "Con il vecchio Pgt non avremmo potuto intervenire così"
di ALESSIA GALLIONE

Il primo a sbarcare in aula, a metà settembre, sarà il piano destinato a trasformare i 32mila metri quadrati dell’ex Enel di Porta Volta: aree nel cuore della zona Sarpi, che diventeranno case, spazi e piazze pubbliche, ma anche destinate ai designer con la nuova sede dell’Associazione per il disegno industriale. È solo uno dei progetti che giacevano nei cassetti dell’amministrazione e che, adesso, verranno sbloccati. In tutto sono una ventina, tra piani integrati di intervento, varianti e accordi di programma, gli interventi di edilizia privata che entro la fine dell’anno arriveranno in consiglio comunale e in giunta. «Cominciamo a riavviare interventi che erano fermi da tempo  spiega l’assessore all’Urbanistica, Ada Lucia De Cesaris  perché la precedente amministrazione aveva deciso di fermare tutto in attesa dell’approvazione del Pgt».

Eccolo, l’inizio di un autunno che si preannuncia caldo per l’urbanistica. In attesa che inizi la riscrittura del nuovo libro mastro targato Pisapia  anche  attraverso le osservazioni dei cittadini. Si partirà con la delibera di revoca del Pgt che arriverà in Consiglio a ottobre. «Stiamo predisponendo le linee strategiche che ci guideranno nella valutazione delle osservazioni  spiega De Cesaris  e abbiamo iniziato già la rilettura». Ma, è il messaggio, non c’è solo il Pgt. E in Comune è già stata tracciata una road map che, in base alle priorità, dovrà far ripartire molti progetti rimasti in stand by. «Tutti  dice ancora l’assessore  consentono all’amministrazione di decidere su bonifiche, quote di verde e housing sociale: non sarebbe stato possibile con il vecchio Pgt perché tutto sarebbe stato affidato alla volontà dei privati».

Dalla periferia al centro, ci sono piani che si trascinavano da anni. E che ora saranno ripresi in mano: dagli interventi edilizi in via Beolchi (Trenno) e in via Apelle (zona viale Monza), fino ai “vuoti” urbani della zona di via Palla  Lupetta, in pieno centro storico, dove i ruderi della guerra saranno sostituiti da appartamenti e spazi pubblici. In Consiglio verrà portato un accordo di programma per costruire alloggi di edilizia convenzionata, per le forze dell’ordine, e una scuola, in via Mecenate. Anche il masterplan a Ponte Lambro prevede appartamenti a basso costo, così come il piano integrato di via Idro (passerà prima dalla giunta), con housing sociale, servizi e orti. Attende il voto degli assessori anche il disegno  un mix di abitazioni  di via Merezzate, su un’area oggi sotto sequestro perché adiacente a Santa Giulia. Dell’elenco fa parte il progetto-cascine che il Comune porterà avanti per recuperare - dalla Molino San Gregorio fino alla San Bernardo, Carliona e Sella Nuova - i vecchi edifici.

Ma nel calderone dell’urbanistica ci sono anche cantieri più vasti da completare o accompagnare al via. Si inizia con Cascina Merlata, ormai alla vigilia dei lavori: entro settembre sarà firmata la convenzione finale, poi inizieranno le bonifiche. Le bonifiche saranno centrali per un altro “sogno” cullato da Milano fin dal 1997: «Vogliamo riprendere l’accordo di programma nell’area dei gasometri della Bovisa  dice l’assessore De Cesaris  per andare dal ministero dell’Ambiente a chiedere la possibilità di tenere le fila delle bonifiche a livello locale in modo da accelerare la nascita del polo scientifico». Sul tavolo della giunta un altro progetto noto: entro l’anno bisognerà chiudere la variante di Garibaldi-Repubblica per trovare una nuova destinazione urbanistica ai 12mila metri quadrati rimasti “orfani” della Città della Moda.

(05 settembre 2011)

Allegati (1)

Articolo di la Repubblica pubblicato il 05/09/2011

Descrizione
0 consensi
Segnala Segnala come rilevante - Segnalato rilevante da 0 persone.
0 consensi
Segnala Segnala come rilevante - Segnalato rilevante da 0 persone.
Ok: molto dipende da come le cose vengono realizzate, ma pare che al cambiare delle amministrazioni la fame di nuove costruzioni resti invariata. Personalmente aspetto di vedere se sarà confermata la...
0 consensi
Segnala Segnala come rilevante - Segnalato rilevante da 0 persone.
Non parlerei di fame di costruzioni... stiamo cercando di mettere delle regole, ma anche gli interventi sono necessari, spesso riqualificano oppure producono abitazioni per chi ne ha bisogno. Molto ora...
avatar Laura Farinella 12 anni fa
0 consensi
Segnala Segnala come rilevante - Segnalato rilevante da 0 persone.
Siete sicuri che Milano abbia bisogno di nuove abitazioni? O piuttosto di un serio piano di riqualificazione di quelle già esistenti, e di incentivazione a liberare gli appartamenti sfitti? Esiste un piano di...
0 consensi
Segnala Segnala come rilevante - Segnalato rilevante da 0 persone.
Gentile Signora  non possiamo impedire l'edificazione, è un diritto nelle aree di proprietà e inoltre serve anche per l'economia e l'occupazione. Alcune parti del territorio hanno bisogno di riqualificazione....
0 consensi
Segnala Segnala come rilevante - Segnalato rilevante da 0 persone.
Grazie per la risposta. Ne approfitto per chiarire alcuni dubbi sulle logiche che portano alla costruzione di nuovi alloggi a tariffe agevolate per anziani, persone in difficoltà o studenti. Un territorio...
0 consensi
Segnala Segnala come rilevante - Segnalato rilevante da 0 persone.
Ho letto con interesse le sue riflessioni. Non condivido fino in fondo la parte che considera poco utile il sostegno, tuttavia mi pare che la posizione della nuova amministrazione si ponga sulla sua stessa...