3 anni fa
0 consensi
Segnala Segnala come rilevante - Segnalato rilevante da 0 persone.

FORUM  CIVICO  METROPOLITANO

ABC  > Agire per il Bene Comune

 

Milano  -  Elezioni Amministrative 2016

 

D i c h i a r a z i o n e   d’ i n t e n t i

 

Noi, cittadine e cittadini di Milano e dei Comuni della Città Metropolitana,liberi e indipendenti, che agiamo con pensiero critico e propositivo, che contrastiamo la mala politica  e la mala amministrazione e lottiamo, in comitati ed associazioni, per migliorare le nostre vite e la qualità urbana dell’ambiente in nome dell’Agire per il Bene Comune;

noi, persone offese nella  dignità di cittadini, abbandonate nei quartieri di periferia come in quelli delle zone centrali; donne e uomini, giovani ed anziani che non tolleriamo più lo stato di cose esistente in cui le ingiustizie e le situazioni di insicurezza aumentano, gli spazi democratici si riducono e i rappresentanti del potere pubblico si dimostrano incapaci e sempre più arroganti, autoreferenziali e corrotti;

noi, che rivendichiamo il rispetto e la salvaguardia dei principi antifascisti della Repubblica Italiana e l’attuazione della Costituzione che il potere capitalistico-finanziario nazionale e internazionale vuole demolire;

noi che rivendichiamo l’applicazione della Costituzione Italiana e delle leggi comunitarie che riconoscono il diritto dei cittadini alla partecipazione al governo delle loro città e del loro Paese, fondato sul pieno sviluppo della persona umana (art. 3 Cost.);

noi, che diciamo NO allo smantellamento dei diritti conquistati con tante lotte e sacrifici (lavoro, salute, istruzione, ambiente, giustizia, informazione…);

noi che diciamo NO alla controriforma del Governo Renzi che demolisce la democrazia costituzionale, e mina dalle fondamenta la separazione dei poteri e l’indipendenza degli organi di garanzia per concentrarli nelle mani del Governo e dell’ uomo solo al comando;

noi che diciamo NO a un sistema elettorale che non garantisce la volontà degli elettori, elimina le minoranze, restringe la rappresentanza e crea le condizioni per il partito unico della nazione;

Noi sentiamo il dovere civico

di fare un’operazione di verità sulla nostra città: Milano non è affatto “capitale morale”, “capitale europea”, “città nazione”(?!), “modello” e “laboratorio” come viene narrata in modo falso e surreale da classi e soggetti di ben delineato interesse economico;

di ribadire alcuni dati di realtà: Milano è anche la città dei piani urbanistici falliti, dei palazzi invenduti e vuoti,  dei quartieri abbandonati al degrado - Milano è la città malata di smog, immersa nella pianura più inquinata d’Europa – Milano è la città che con la Lombardia registra un aumento della povertà del + 9% a fronte di un -7% della media nazionale!  (il Corriere della Sera del 5 novembre scorso titolava “Milano, capitale italiana della povertà”)Milano è la città le cui risorse finanziarie sottratte alla collettività dalle mafie, dalla corruzione e dall’evasione fiscale ammontano a più del 10% di oltre 300 miliardi di euro  del fatturato totale nazionale, illegale e criminale ( Banca d’Italia, Istat).

Noi sentiamo la responsabilità civica

di non delegare ai gruppi oligarchici dei partiti e del potere consolidato il futuro della nostra città e di quella metropolitana; di chiamare i cittadini a partecipare al governo cittadino per rompere la continuità delle scelte amministrative fatte prevalentemente in difesa dei ceti ricchi e dominanti e contrarie al Bene Comune, continuità consolidatasi negli anni con amministrazioni, formalmente di colore diverso, ma attente ad escludere la partecipazione e a ridurre la rappresentazione democratica, utilizzando la norma più restrittiva fra quelle presenti nel sistema elettorale dell’elezione diretta del sindaco, cioè quella che consente al sindaco  di scegliere i suoi assessori al di fuori dei consiglieri eletti esautorando il Consiglio Comunale e non rispettando la volontà degli elettori.

Noi ci impegniamo

a difesa degli interessi generali e del Bene Comune di costruire proposte e programmi, i cui punti fondamentali  elenchiamo schematicamente:

  • Istituti di democrazia partecipativa e diretta che consentano ai cittadini di intervenire in prima persona nella vita politica della città e del Paese.
  • Istituti di informazione trasparente, controllo e garanzia, sicurezza sociale e legalità.
  • Pianificazione del territorio nel rispetto dei quattro elementi fondamentali ( aria, acqua, terra, energia) e della salvaguardia del paesaggio.
  • Bilancio partecipato dell’Ente Locale:formazione e finalizzazione,equità e partecipazione.
  • Diritto alla Casa e riuso /valorizzazione del patrimonio edificato.
  • Mobilità / Trasporti pubblici : diritto alla mobilità e reti di area metropolitana.
  • Salute / Sanità pubblica: autonomia decentramento e prevenzione.
  • Istruzione / Scuola: edilizia e qualità educativa e ambientale.
  • Lavoro: dignità diritti e reddito di cittadinanza.
  • Economia e Finanza ecologicamente sostenibili: quali condizioni e quale ruolo dell’Ente locale e delle società partecipate.
  • Cultura: sistema diffuso a livello metropolitano di reti di conoscenze e di servizi in tutti i settori - Informazione / Comunicazione: libertà e pluralismo.
  • “Grandi eventi e grandi opere”: expo/post-expo, M4, autostrade, grandi impianti, ecc.: come intervenire per realizzare cambiamenti radicali di rotta.

Noi ci impegniamo

a concorrere alla realizzazione della Città Metropolitana,

mettendo al primo posto i diritti della cittadinanza metropolitana;

attuando un vero decentramento e una equa distribuzione territoriale di risorse e servizi, all’interno di un disegno istituzionale in grado di far funzionare un  sistema equilibrato di città e comuni: Ente sovra comunale e Governo Metropolitano eletti dai cittadini, articolazione in più comuni di Milano  e unione dei comuni piccoli.

Noi ci impegniamo

a partecipare direttamente al governo di Milano e della Città Metropolitana.


Milano, febbraio - marzo  2016


Prime adesioni:

Giuseppe Natale, Forum Civico Metropolitano  ( F. C. M. )

Valentino Ballabio, ArcoResiste e F.C.M.   -  Brugherio Futura

Giulia Gresti, architetto -  Gabriella Valassina, cittadina

Antonio Amoruso , ANPI Baggio - Olmi

Armando  Rinaldi, Associazione Atdal Over 40 / Alp Over 40

Giuseppe Manenti, Università Cattolica Milano

Maria Argentino,  sindacalista della scuola  -  Gabriele Ghezzi , Milano Coesa

Ornella Balbo, Cristina Saronni, Rosanna Uboldi, Simona Valesi, Luca Vinti,

soci dell’Associazione Buon Senso e Legalità

Dario Rinco, Comitato Più Democrazia a Sesto San Giovanni

Roberto D’Ambrosio, Comitato Ambiente Salute Teatro Scala 

Fulvio Aurora, Medicina Democratica  -   Cristiano Abbadessa, editore   

Giuseppe Cassata, cittadino  -   Veniero Granacci, cittadino 

Massimo Latronico, direttore Orchestra di Via Padova

Abdoullay Ablo Traore,  Laura Pandolfini ,  Associazione di cultura africana Sinitah

Bruna Bovo, Loris Caldana,  cittadini iscritti all’ANPI  - Alberto Risi, cittadino

Camilla Mian, Augusta Signorini, Riccardo Lazzarini, Mario Saccone, Vincenzo Robustelli, Franca Santucci, F. C. M.  – Ivano Spano, docente


Le adesioni si inviano a : 
contact@forumcivicometropolitano.it

oppure a : giusnatale@alice.it


Nessuna risposta inviata