10 mesi fa
0 consensi
Segnala Segnala come rilevante - Segnalato rilevante da 0 persone.

In questo paese che va al contrario in molti temi tra cui quello delle SEMPLIFICAZIONI segnalo quale cittadino una grossa seccatura che reputo un PEGGIORAMENTO di un servizio gestito da Poste Italiane ed ora in mano in prima istanza ad un operatore privato (Nexive).

Ti ritrovi in casella l'avviso di mancata consegna dell'Atto Giudiziario da un "messo notificatore" (il postino di una volta per le raccomandate, adesso sembra che per una multa ci debba essere un tribunale intero).

Mentre con la vecchia e funzionale struttura pubblica il ritiro con delega era permesso, (non ho idea del perchè non lo sia più), questi signori, oltre a lasciarti al telefono senza risposte, non lo permettono. I giorni per il ritiro sono contati e la ex raccomandata, a quel punto, segue un iter di ritorno alle Poste Italiane con la usuale procedura per il ritiro (con delega).

Che logica ha questo "giro dell'oca"? che prolunga oltretutto il rapido pagamento? Quanto costa ai milanesi l'appalto affidato a Nexive? Esistono dati certi in merito alla funzionalità ed al gradimento (dubito per entrambi) del nuovo iter di consegna?

A cosa servono le PEC, a pagare i gestori delle caselle visto che dalla P.A. non arrivano neanche gli auguri di compleanno?

avatar Oliverio Gentile 10 mesi fa
0 consensi
Segnala Segnala come rilevante - Segnalato rilevante da 0 persone.
avatar Luca Vinti 10 mesi fa
0 consensi
Segnala Segnala come rilevante - Segnalato rilevante da 0 persone.