Materiale
Informativo
3 anni fa
Gerusalemme, 20154 Milano MI, Italia
1 consensi
Segnala Segnala come rilevante - Segnalato rilevante da 0 persone.

Segnalo la situazione insostenibile del parchetto di PIAZZA GERUSALEMME, luogo di svago per centinaia di bambini dell'asilo nido, scuola materna e primaria di via Mantagna.

I bambini giocano ogni giorno tra cicche di sigaretta sparse ovunque, rifiuti di tutti i tipi tra cui tantissime microplastiche, cumuli di foglie mai raccolte e soprattutto in mezzo alla polvere, essendo i "prati" ridotti a campi di sabbia biancastra finissima che si solleva creando delle vere e proprie nuvole. In questa sabbia è contenuto anche tutto il particolato delle sostanze inquinanti che si depositano a terra: i nostri bambini respirano questo mix malsano a pieni polmoni tutti i pomeriggi.

I genitori chiedono un intervento urgente di manutenzione!

Invito anche i residenti della zona 8 a pensare di organizzare tutti insieme una manifestazione o un evento  per sensibilizzare il nostro municipio sulla tematica della manutezione del verde anche delle piccole aree.

avatar Laura Pacciarella 2 anni fa
0 consensi
Segnala Segnala come rilevante - Segnalato rilevante da 0 persone.
Gentile Valeria, mi fa piacere che finalmente una mamma si faccia viva a proposito della situazione di degrado e trascuratezza del parchetto di Piazza Gerusalemme. Sono la nonna di due nipotini che non...
avatar Valeria Perretti 2 anni fa
0 consensi
Segnala Segnala come rilevante - Segnalato rilevante da 0 persone.
Grazie Laura, per essersi offerta di aiutarmi. In realtà in questi giorni non sarebbe semplice coinvolgere le famiglie, anche se mi rendo conto che la stagione per far pianificare un intervento utile per la...
avatar Valeria Perretti 2 anni fa
0 consensi
Segnala Segnala come rilevante - Segnalato rilevante da 0 persone.
Per il problema degli alberi le suggerisco di provare a fare una segnalazione alla società che si occupa della manutenzione per il Comune. Se sono efficienti come Amsa potrebbe essere utile!  Saluti, Valeria