Materiale
Informativo
4 mesi fa
1 consensi
Segnala Segnala come rilevante - Segnalato rilevante da 0 persone.

Facendo riferimento alle nostre discussioni:

il combinato disposto tra:

  • una discussione dei Copernicani con Stefano Quintarelli su GAIA-XCloud Italia
  • la preoccupazione sul destino della Fondazione RCM, per la scarsa partecipazione di una Pubblica Amministrazione e di una Accademia sfuggenti e comunque non all'altezza del nostro contributo, come semplici cittadini, anche lo scorso anno.

mi ha indotto a occuparmi di "Cooperativismo di Piattaforma":

anche per superare il dilemma delle reti sociali, tra affarismo privato (USA) e controllo governativo (cinese), con le relative mire imperialistiche.

Perché non pensare ad una "rivoluzione digitale copernicana", a partire dai servizi pubblici?
Chi dice che i nostri dati digitali - civici, sanitari, del lavoro, ecc. - debbano stare solo nella miriade di enti preposti?
Non sarebbe meglio che il cittadino, paziente, lavoratore, ecc. possa affidarli ad un [Ciber]sindacato di sua fiducia, che garantisca completezza e versatilità d'uso, in sicurezza e riservatezza, con un servizio nazionale scalabile a livello europeo?

Ma un nuovo sindacato non può crescere senza aderenti consapevoli e motivati: Smart Citizen per la Smart City!

Allegati (1)

Il Cooperativismo di piattaforma-v1

0 consensi
Segnala Segnala come rilevante - Segnalato rilevante da 0 persone.
avatar Giulio Beltrami 4 mesi fa
0 consensi
Segnala Segnala come rilevante - Segnalato rilevante da 0 persone.
Salvare le democrazie dai colossi IT: le idee di Fukuyama (nella traduzione di Paolo Benanti ) pone la questione: ......... Il vero pericolo delle piattaforme Internet non è che distorcano i mercati; è...