10 anni fa
0 consensi
Segnala Segnala come rilevante - Segnalato rilevante da 0 persone.

COMUNICATO STAMPA

Il Forum su Sport e Tempo Libero del Partito Democratico esprime un parere fortemente critico sul regolamento per l'uso degli impianti sportivi presso gli istituti scolastici approvato ieri dal Consiglio Provinciale di Milano.

Tale regolamento rende più difficile l'opera delle società che fanno attività di base, spesso su base volontaristica, attribuendo loro gli oneri economici relative a spese di apertura, manutenzione, gestione e vigilanza. Queste nuove voci di costo andranno quindi a sommarsi agli affitti che tali associazioni già regolarmente sostengono per l’uso delle strutture pubbliche, le quali spesso non sono in buone condizioni.

Tali costi rischiano di soffocare la promozione dello sport ed i suoi indubbi riflessi sulla coesione sociale e sulla prevenzione sanitaria. L’ente pubblico avrebbe invece il dovere di valorizzare il mondo dell’associazionismo e del volontariato, che, soprattutto in tempo di crisi economica, supplisce a funzioni che la collettività richiede, ma non riesce più a sostenere.

Il Partito Democratico propone una visione alternativa, che si caratterizza per l’impiego delle strutture sportive nelle sedi scolastiche a ciclo continuo, allo scopo di favorire attività di tipo sociale e culturale, ma anche di ottimizzare i costi fissi di gestione, rendendo l’offerta più elastica e vicina alle domande della collettività.

Sottolinea inoltre la necessità di progettare forme miste di gestione degli impianti, declinate caso per caso sulle tipologie di sport praticabili, sulla forza economica degli attori in gioco e sulle necessità dell’area territoriale di riferimento.

Paolo Cova, consigliere provinciale: “Bisognerà definire con precisione una tabella di tariffe standard da applicare, affinché associazioni ed enti di promozione sportiva non siano vessate. Da parte loro, c'è anche la disponibilità a sopportare un aumento, a patto che non sia eccessivo. Il regolamento approvato ieri non ha fugato questi dubbi, perché incide sull'organizzazione delle società, obbligandole a fare investimenti che non tutte possono permettersi”.

Lorenzo Zacchetti, coordinatore del Forum Sport: “E’ nostro obiettivo promuovere una nuova filosofia nel rapporto tra città, strutture sportive e realtà aggregative del privato sociale. Vogliamo valorizzare lo sport come strumento privilegiato per la costruzione di una società più coesa e solidale. La visione politica, unita a dati di realtà quali la carenza di strutture ed i costi di gestione, rende necessario un uso più ponderato e condiviso degli spazi, nei quali lo sport di base e le attività tipiche dei centri di aggregazione giovanile e per anziani possano coesistere in maniera virtuosa”.

PARTITO DEMOCRATICO

Area Metropolitana di Milano

FORUM SPORT E TEMPO LIBERO

Nessuna risposta inviata