L'ultimo a perdere la vita è stato un pensionato, la scorsa estate, e mi dicono che non è stato il primo. Dalle mie finestre ho sentito tutto: colpo sordo, frenata brusca, portiera sbattuta, urla. Poi silenzio. Infine una sirena. Cronaca di una vita spezzata per l'inerzia della nostra amministrazione. Nel tratto tra via Bocconi e Via Ripamonti, le auto percorrono viale Beatrice d'Este a velocità impossibili, un bel rettilineo che sembra fatto apposta per accelerare (salvo poi fermarsi 100 mt più avanti, al semaforo con via Ripamonti/Vigentina). Le strisce pedonali, percorse quotidianamente dai bambini della scuola materna Crivelli che hanno il torto di abitare oltre la circonvallazione (un bel numero, a giudicare dalle mamme che con me fanno quella strada ogni mattina), sono sistematicamente ignorate. Ogni tanto, ma di rado, ci sono dei vigili ad agevolare l'attraversamento. Aspettano che muoia un bambino per prendere provvedimenti? Un anziano non vale abbastanza?

Aggiungo: il marciapiede di via Patellani è da mesi inagibile (con quelle buffe transenne del Nucleo Intervento Rapido che di rapido non ha nulla) perchè il muro fatiscente che lo costeggia, DI PROPRIETA' DEL COMUNE, è sul punto di crollare. Ovviamente è sul punto di crollare da anni, e la gente ci passava tranquillamente, anche perchè le crepe e le spanciature del muro erano nascoste dalle affissioni del Comune.

Scritto 8 anni fa da

Legenda

  • marker image
    Urbanistica e territorio
  • marker image
    Ambiente, verde e paesaggio
  • marker image
    Muoversi a Milano
  • marker image
    Solidarietà, servizi, sicurezza
  • marker image
    Innovazione, ricerca, università
  • marker image
    Scuola, cultura e tempo libero
  • marker image
    Varie
  • marker image
    Discussioni non localizzate
  • marker image
    Più discussioni sullo stesso punto

Proposte collegate