Materiale
Informativo
8 anni fa
Via Bramante, 49, 20154 Milano, Italia
0 consensi
Segnala Segnala come rilevante - Segnalato rilevante da 0 persone.

Dall'Ufficio Stampa del Comune di Milano

Urbanistica

Al posto dell'area ex Enel, residenze, negozi e il museo del design

Via libera dal Consiglio comunale al piano di Porta Volta e all’hospice nella Cascina Brandezzata

Porta Volta, stato di fatto

Milano, 26 settembre 2011 – Cambia volto un angolo di città compreso tra via Ceresio, via Bramante e via Procaccini. Con il voto del Consiglio comunale (40 a favore, 1 astenuto e 1 contrario) è stato approvato il PII ( Piano Integrato d’Intervento) in variante al Prg in vigore, che stabilisce la riqualificazione dell’area ex Enel di Porta Volta. “Questa tipologia d’intervento non sarebbe possibile se si applicasse il Pgt adottato – afferma l’assessore all’Urbanistica ed Edilizia Privata Ada Lucia De Cesaris -  perché la volumetria complessiva sarebbe superiore a quella proposta nel PII, non sarebbe necessario prevedere una quota di edilizia convenzionata e non sarebbe conferita alcuna dotazione di standard a fronte di quasi 37.000 mq conferiti dal PII”.

Il piano riguarda la riqualificazione di tre aree per complessivi 31.305 metriquadri attualmente occupate da fabbricati già facenti parte del complesso Enel e, in gran parte, dismessi. Al loro posto sorgerà edilizia residenziale  ( di cui il 50% a regime convenzionato) e spazi con destinazione ricettiva e commerciale. Non tutto sarà abbattuto: saranno conservati 12.411 mq di edifici esistenti a destinazione terziaria. Fiore all’occhiello del progetto è  il Museo del Design che sarà gestito dall’Associazione per il Disegno Industriale dove sarà esposta la storica collezione del Compasso d’Oro.

Il progetto prevede, tra l’altro due grandi piazze pubbliche alberate, spazi per i giochi dei bambini e verde secondo gli standard più avanzati. Inoltre da Piazza Baiamonti a fino a via Farini sarà realizzato un tratto del Raggio verde (il numero 8). Per tutti gli interventi, a costo zero per il Comune, si stima un investimento di circa 140 milioni di euro, il privato si fa carico di tutti gli interventi di bonifica.

Una seconda delibera approvata all’unanimità riguarda la variante al Prg dell’area di via Ripamonti 428 dove è situata la Cascina Brandesazza. L’area di circa 11.400 mq, di proprietà dell’Irccs Ospedale Maggiore di Milano, sarà la sede di un Hospice per malati terminali gestito dalla Onlus Fondazione Luogo di Vita e di Incontro che dovrà ristrutturare ed adeguare la cascina agli standard sanitari previsti. “Si è iniziato a parlare di questo progetto nel 2005 – dichiara l’assessore De Cesaris -, è necessario l’impegno di tutti perché un intervento semplice come questo sia approvato in tempi più ridotti”.


Porta Volta, nuovo progetto

avatar Salvina Inzana 7 anni fa
0 consensi
Segnala Segnala come rilevante - Segnalato rilevante da 0 persone.