Materiale
Informativo
1 mese fa
2 consensi
Segnala Segnala come rilevante - Segnalato rilevante da 1 persona.
Quella che segue è la descrizione dell'evento che si è tenuto il 24 gennaio scorso:

"Modello Milano": disuguaglianze ed esclusione

Alla concentrazione della ricchezza nelle mani di pochi e al conseguente impoverimento del resto della popolazione corrisponde a Milano, con particolare violenza ed evidenza, il progetto di “valorizzare” parti della città e delle risorse collettive per trasformarle in fonti di profitto. La finanziarizzazione dell’abitare sociale va a braccetto con l’espansione degli investimenti immobiliari, condite dalla retorica della “rigenerazione” che – si dice – porterà a città più “sostenibili” per tutti e tutte. La verità si sta rivelando invece ben diversa: il “modello Milano” porta strutturalmente ad accentuare sempre più disuguaglianze ed esclusione sociale, oltre che squilibri ambientali e consumo di suolo.

Ne parliamo con
Giovanni Semi,
autore di Breve manuale per una gentrificazione carina
Lucia Tozzi, autrice de L’invenzione di Milano. Culto della comunicazione e politiche urbane
e coautrice di Le nuove recinzioni. Città, finanza e impoverimento degli abitanti.
 
 
Di seguito la registrazione dell'incontro:
 
 
Discutiamone!
avatar Oliverio Gentile 1 mese fa
1 consensi
Segnala Segnala come rilevante - Segnalato rilevante da 1 persona.
Di Lucia Tozzi (che si è registrata a partecipaMi qualche settimana fa), in rete, ho trovato questo video:
avatar Giulio Beltrami 1 mese fa
1 consensi
Segnala Segnala come rilevante - Segnalato rilevante da 0 persone.
Erection Dei Alludo alla “città che sale” di Boccioni, facendo il verso al grottesco “Election Day”, per ricordare la domanda “ Che ci azzecca Milano Smart City con l'ambiente? ”. Detto ciò,...
avatar Mercedes Mas Solè 3 settimane fa
0 consensi
Segnala Segnala come rilevante - Segnalato rilevante da 0 persone.
Appena segnalato nella sezione " Eventi " per sabato 24 febbraio dalle 14:00 alle 18:30 alla Biblioteca Oglio : Corvetto, gli attori locali e la rigenerazione urbana: Siamo gentrificatori?