2 settimane fa
0 consensi
Segnala Segnala come rilevante - Segnalato rilevante da 0 persone.

Perché occuparci solo di labili soldi (v. inflazione) nelle nostre tasche, invece di pretendere tangibili beni comuni: case popolari, edilizia scolastica e mense pubbliche, trasporti locali gratuiti, sussidi per l'infanzia e la vecchiaia, ecc.?

E' anche conseguenza dell'infame patto degli anni '70 - tra governo, imprenditori e sindacato, con la connivenza dei lavoratori - di monetizzare in busta paga anche i benifici aziendali (meno male che ora si parla di impresa benefit!).

Ai nostalgici di una Sinistra bollita o di una Destra fallita (o viceversa) contrappongo la nostalgia per una Socialdemocrazia che, invece di litigare come Berlusconi solo per le tasse, come i Partiti solo per i sussidi in valuta e come il Sindacato solo per gli stipendi, rilanci il Welfare, compreso quello digitale.

Oltre al volontà politica, per garantire il Welfare, sono necessarie una Pubblica Amministrazione competente, preservata dalla cannibalizzazione partitica, e Società Concessionarie di servizi pubblici, non importa se pubbliche o private (altra questione mistificatoria, polvere negli occhi!), purchè vigilate seriamente dalla Pubblica Amministrazione, senza i pastrocchi cha hanno propiziato tanti disastri, ambientali e infrastrutturali.

Nessuna risposta inviata