Materiale
Informativo
11 anni fa
Via Vallazze, 34, 20131 Milano, Italia
1 consensi
Segnala Segnala come rilevante - Segnalato rilevante da 1 persona.

La mancanza di piste ciclabili, di cultura della bicicletta in Italia, e' un fatto indiscutibile.

Purtroppo, nonostante il casco, il gilet giallo fosforescente, un'ottima forma fisica, una portiera che si apre all'improvviso non e' evitabile se la persona all'interno della macchina non e' abituata a guardare.

1. Dai tanti forum sulla bicicletta, italiani in particolare, con tanto di ricerche delle amministrazioni pubbliche portate avanti da vari paesi del mondo, si evince che la vera differenza non la fa la disciplina del ciclista, ma l'urbanistica. Ora, all'ospedale, con collare, diverse contusioni, il CID (con un uomo improbabile che apre la portiera senza guardare lo specchietto, piu' preoccupato davanti al vigile di dire "ero fermo non e' colpa mia" che della copertura assicurativa, comunque presente) e' una magra consolazione. Resta il fatto, che le strade milanesi, non sono sicure.

2. Altra malizia... le piste ciclabili, anche quando sono tali, strette, o brevissime, quasi da sembrare una presa per i fondelli (ma prendiamo quelle piu' lunghe e meglio progettate), sono sempre piene di interruzioni. E la gente al volante, anche quella piu' tranquilla ed educata, non si ferma allo stop prima delle strisce o dell'attraversamento ciclabile, ma sul ciglio dell'incrocio. In altre parole il guidatore non guarda, forse perche' non e' abituato - ritorniamo sul problema della cultura della bici. Gli urti evitati con violente frenate oramai non li conto piu', al punto che spesso mi sento piu' tranquillo a pedalare in mezzo alla strada rompendo le scatole a tutto il traffico piuttosto che attraversare le interruzioni ciclabili in prossimita' delle strade secondarie.

3. A tutti i ciclisti. Sempre e comunque, portate il casco. Io sto pensando, a seguito dell'incidente della mia fidanzata, di fare un assicurazione per gli infortuni e, soprattutto, un'assicurazione per i danni altrui. Se si causa un incidente, e la colpa e' nostra, chi paga se non siamo assicurati? Ho trovato anche qui una varieta' di aneddoti raccapriccianti (i.e. la nonnina distratta che va al mercato a comprare la verdura, un motorino evita un incidente con la nonnina ma si pianta contro un palo procurandosi ingiurie permanenti).

 

Cordialita', e un augurio per i ciclisti, per la cultura della bici, per Pisapia nella speranza che faccia un buon lavoro

avatar Carla Basciano 11 anni fa
0 consensi
Segnala Segnala come rilevante - Segnalato rilevante da 1 persona.
All'interno del Consiglio di zona 3 le piste ciclabili sono oggetto della commissione qualità dell'ambiente urbano e mobilità. Dalla segnalazione mi sembra di aver capito che l'incidente al ciclista sia avvenuto...
avatar Alex Sentinelli 11 anni fa
0 consensi
Segnala Segnala come rilevante - Segnalato rilevante da 0 persone.
Ringrazio della domanda. Torno dalle ferie e rispondo piu' che volentieri. Viale Lombardia 48 (se non ricordo male). Davanti ad un bar. La cosa quasi buffa e' che l'incidente, sui 20 km circa coperti...
avatar Marco Morandi 11 anni fa
0 consensi
Segnala Segnala come rilevante - Segnalato rilevante da 0 persone.
Non sono d'accordo sul fatto che manchi una cultura delle bicicletta in Italia . Manca a Milano. Altrove andare in giro in bici non è male, ci sono le piste (a Lodi o a Sesto, a Verbania o perfino a Roma ;-) o...