Materiale
Informativo
8 anni fa
0 consensi
Segnala Segnala come rilevante - Segnalato rilevante da 0 persone.

Leggo stupito i numeri delle percentuali di raccolta differenziara, raggiunti e da raggiungare. Mi viene spontanea una domanda .. ma come la calcolate ?

a peso ?

a volume ?

a materiale correttamente separato ?

ad ogni singolo pezzo ?

Come si può credibilmente calcolare una percentuale ? A mio parere è impossibile perché peso e volume non possono dare alcuna indicazione credibile, ad esempio la plastica pesa poco e fa molto volume. Il vetro pesa tanto ma se si rompe fa poco volume. l'umido perde l'umidità e diventa + leggero.

Poi perché criminalizzate la carta nell'indifferenziato ? Se finisce nell'inceneneritore, non è meglio ci sia un po' di combustibile in più ? Meglio più carta nell'indifferenziato che carta sbagliata in quella da riciclare.

Mah .. è tutto un bel mistero. Secondo me ci prendono un po' per il naso.

E' vero che ora si può buttare vetro sporco nel vetro ? Oppure no ? Boh .. e le lampadine e le pile e similaria dove le buttiamo che nessuno le ritira nel raggio di 3 km se non + ?

Il differenziato si migliora in quantità migliorando i macchinari di separazione automatica del nero non con il sacco trasparente che serve solo per incassare le multe.

Sacco trasparente ma trasparenza zero.

Chissà invece che bei spettacoli sui nostri marciapiedi specie quando farà un po' caldo, già ora i nostri bidoni danno il voltastomaco solo a vederli .. buone nausee trasparenti. Da oggi Milano è ufficialmente un paesotto, da rimpiangere il vecchio nero robusto con la scritta comune di milano consegnato gratuitamente che ci rendeva orgogliosi di appartenere ad una grande città.

Trasparenza=progresso per le tasche comunali.

avatar Silvia Intra 8 anni fa
0 consensi
Segnala Segnala come rilevante - Segnalato rilevante da 0 persone.
avatar Alfredo De Giorgi 8 anni fa
0 consensi
Segnala Segnala come rilevante - Segnalato rilevante da 0 persone.